Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/184

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
172 AMOROSA VISIONE

Benivol poi essendoci a largirsi,
     80Sicchè e’ non ci paian le ferute
     Di te noiose, nè grave il soffrirsi,
In cui consiste la nostra salute,
     Quando parralli la dobbiamo avere,
     Dandola tosto con la sua virtute.
85L’altre poi tutte appresso al mio parere
     Rispondendo, diceano: o signor nostro,
     In te si ferma ogni nostro volere,
Tutte disposte siamo al piacer vostro.