Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/213

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

201

CAPITOLO L.




L’ultimo dell’Amorosa visione, dove l’autore si sveglia dal sonno.


Dico, che poichè ’l sonno fu partito
     Tutto di me, che stava lagrimando
     Ancora in me di tal bene smarrito,
In piè drizzato, e intorno a me guardando,
     5Vidi la bella Donna, la qual voi
     Per lo giardin mi festi andar cercando.
Che pensi? disse a me, e poco poi
     Soggiunse: andiam, ch’egli è voler di quella,
     Che nel tuo sonno mi ti diede ancoi.
10Ond’io risposi stupefatto ad ella:
     E dove andremo? e tornerem noi forse
     Dov’io era or con quella donna bella?
Mai sì, mi disse allora, e ciò che porse
     Il tuo dormire alla tua fantasia
     15Tutto averai, se da me non ti smorse.
Ancora più per me dato ti fia
     Di grazia di veder ciò che perdesti,
     Quando lasciasti la mia compagnia.