Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

13

CAPITOLO III.




Nel quale si contiene come l’autore vede scritto sopra la porta lettere d’oro, e come due giovani li si fanno incontro, ed è un con loro.


Ristata era la Donna del parlare,
     E rimirava ch’io entrassi dentro
     Di dietro a lei, che già volea montare.
Sed e’ vi piace, prima andiam là entro,
     5Diss’io a lei; e quella: tu disii
     Di ruinar con doglia al tristo centro,
Io dico insino a qui, se là t’invii
     In cose vane, l’anima disposta
     A bene oprar, convien che si disvii.
10Pon l’intelletto alla scritta ch’è posta
     Sopra l’alto arco della porta, e vedi
     Come ’l suo dar val poco e molto costa.
Ed io allora a riguardar mi diedi
     La scritta in alto che pareva d’oro,
     15Tenendo ancora in là voltati i piedi.
Ricchezza, dignità, ogni tesoro,
     Gloria mondana copïosamente,
     Do a color che passan nel mio coro: