Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
46 AMOROSA VISIONE

Stella mattutina assomigliava
     20La luce del suo viso, ove beltate
     Quanta fu mai tututta si mostrava;
Sorridendo negli atti, di pietate
     Piena, e parlando a consiglio segreto
     Con tacite parole e ordinate,
25Era con que’ che già ne visse lieto,
     Lunga fïata lei senza misura
     Amando, ben che poi n’avesse fleto.
Non molto dietro ad esso con gran cura
     Seguiva Galeotto, il cui valore
     30Più ch’altro di compagni si figura.
E lui seguiva Chedino ed Astore
     Dimare, insieme con messer Suano,
     Disïosi ciascun di più onore.
L’Amoroldo d’Irlanda ed Agravano,
     35Palamides seguiva, e Lionello,
     E Polinoro con messer Calvano.
Mordietto appresso e con lui Dodinello,
     E ’l buon Tristan seguiva poi appresso
     Sopra un cavallo poderoso e snello.
40Isotta bionda a lato a lato ad esso
     Venia la man di lui colla sua presa
     E rimirandol nella faccia spesso:
O quanto ella parea nel viso offesa
     Dalla forza d’amor, di che parea
     45Ch’avesse l’alma dentro tutta accesa,
Di che negli atti fuor tutta lucea:
     Tu se’ colui cui io sola disio,
     Timida nello aspetto gli dicea;