Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
62 AMOROSA VISIONE

Vna bella corona in capo avea,
     20E li biondi cape’ sparti sott’essa,
     Che un fil d’oro ciaschedun parea.
Il viso suo come neve mò messa
     Parea, nel qual mescolata rossezza
     Aveva convenevolmente ad essa.
25Senza comparazion la sua bellezza
     Era, ed aveva due grandi ali d’oro
     Alle sue spalle stese in ver l’altezza.
In man tenea una saetta d’oro,
     E un’altra di piombo, alla reale
     30Vestito al mio parer d’un drappo ad oro.
Orrevolmente là il vedea cotale,
     Tenendo un arco nella man sinestra,
     La cui virtù sentir già molti male.
Nè però era sua sembianza alpestra,
     35Ma giovinetta e di mezzana etate,
     Dimestica e pietosa e non silvestra.
E ’ntorno avea senza fine adunate
     Genti, le qua’ parea che ciascheduno
     Mirasse pure a sua benignitate.
40Gai e giocondi ve ne vidi alcuno,
     Tristi e dolenti sospirando gire
     Altrui vi vidi, in isperanza ognuno.
Io che mirava il grazïoso sire,
     Immaginando molto il suo valore,
     45Per molti ch’io vi vidi a lui servire,
Ornata come lui con grande onore
     Li vidi allato una donna gentile,
     La qual parava, sì com’egli è Amore,