Pagina:Boccaccio - Decameron I.djvu/83

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

novella seconda 79

estimando lui dovere portar denari, seco diliberarono, come prima tempo si vedessero, di rubarlo: e per ciò, acciò che egli niuna suspizion prendesse, come uomini modesti e di buona condizione, pure d’oneste cose e di lealtá andavano con lui favellando, rendendosi in ciò che potevano e sapevano umili e benigni verso di lui; per che egli l’avergli trovati si reputava in gran ventura, per ciò che solo era con un suo fante a cavallo. E cosí camminando, d’una cosa in altra come ne’ ragionamenti addivien trapassando, caddero in sul ragionare dell’orazioni che gli uomini fanno a Dio, e l’uno de’ masnadieri, che eran tre, disse verso Rinaldo: — E voi, gentile uomo, che orazione usate di dir camminando? — Al quale Rinaldo rispose: — Nel vero io sono uomo di queste cose materiale e rozzo, e poche orazioni ho per le mani, sí come colui che mi vivo all’antica e lascio correr due soldi per ventiquattro denari: ma nondimeno ho sempre avuto in costume, camminando, di dir la mattina, quando esco dell’albergo, un paternostro ed un’avemaria per l’anima del padre e della madre di san Giuliano, dopo il quale io priego Iddio e lui che la seguente notte mi deano buono albergo. Ed assai volte giá de’ miei di sono stato, camminando, in gran pericoli, de’ quali tutti scampato, pur sono la notte poi stato in buon luogo e bene albergato; per che io porto ferma credenza che san Giuliano, a cui onore io il dico, m’abbia questa grazia impetrata da Dio: né mi parrebbe il di bene potere andare né dovere la notte vegnente bene arrivare, che io non l’avessi la mattina detto. — A cui colui che domandato l’avea, disse: — Ed istamane dicestel voi? — A cui Rinaldo rispose: — Sí bene. — Allora quegli, che giá sapeva come andar doveva il fatto, disse seco medesimo: — Al bisogno ti fia venuto, ché, se fallito non ci viene, per mio avviso, tu albergherai pur male. — E poi gli disse: — Io similemente ho giá molto camminato e mai nol dissi, quantunque io l’abbia a molti molto udito giá commendare, né giá mai non m’avvenne che io per ciò altro che bene albergassi; e questa sera per avventura ve ne potrete avvedere chi meglio albergherá, o voi che detto l’avete o io che non l’ho detto. Bene è il