Pagina:Boccaccio - Fiammetta di Giovanni Boccaccio corretta sui testi a penna, 1829.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


sedere, con isdegnoso animo li nuovi atti e le qualità di molte donne mirava. E certo d’alcune avvenne che io le biasimai, benchè io sommamente disiderassi, se essere fosse potuto, di fare io, se il mio Panfilo fosse stato presente; il quale tante volte quante a mente mi tornava o torna, tante di nuova malinconia m’era ed è cagione: il che, come Iddio sa, non merita il grande amore ch’io gli porto e ho portato.

Ma poi che quelle danze con gravissima noia di me alcuna volta per lungo spazio rimirate avea, essendomi divenute per altro pensiero tediose, quasi da altra sollecitudine mossa, del publico luogo levatami, volonterosa di sfogare il raccolto dolore, se fatto mi veniva acconciamente, in parte solitaria me n’andava; e quivi dando luogo alle volonterose lagrime, delle vanità vedute alli miei folli occhi rendea guiderdone. Nè quelle senza parole accese d’ira uscivano fuori, anzi, conoscendo io la misera mia fortuna, verso lei mi ricorda d’avere alcuna volta cosí parlato: O Fortuna, spaventevole nemica di ciascuno felice, e de piú miseri singulare speranza, tu, permutatrice de’ regni e de’ mondani casi adducitrice, sollevi e avvalli con le tue mani, come il tuo indiscreto giudicio ti porge; e non contenta d’essere tutta d’alcuno, o in uno caso l’essalti e in uno altro il deprimi, o dopo alla data felicità aggiugni agli animi nuove cure, acciò che i mondani in continue necessità dimorando, secondo il parere loro, te sempre prieghino, e la tua deità orba adorino. Tu, cieca e sorda, li pianti de’ miseri rifiutando; con gli essaltati ti godi, li quali te ridente e lusingante abbracciando con tutte le forze, con inoppinato avvenimento da te si trovano prostrati