Pagina:Boccaccio - Il Filostrato di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto su i testi a penna, 1831.djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

PARTE QUARTA 139


LXXIX.


La qual novella siccome l’udio
     Griseida, che già non si curava
     Del padre più, oimè tristo il cor mio!
     Disse fra sè, e forte le noiava,
     Come a colei ch’avea volto il disio
     A Troilo, il quale più che altro amava,
     E per paura ciò ch’udia contare
     Non fosse ver, non ardia domandare.

LXXX.


Ma come noi veggiam che egli avviene,
     Che l’una donna all’altra a visitare
     Ne’ casi nuovi va se le vuol bene,
     Così sen venner molte a dimorare
     Con Griseida il giorno, tutte piene
     Di pietosa allegrezza, e a raccontare
     Le cominciaron con ordine il fatto,
     Com’ell’era renduta, e con che patto.

LXXXI.


Diceva l’una: certo assai mi piace
     Che tu torni al tuo padre e sii con lui.
     L’altra diceva: e a me me ne dispiace
     Vederla dipartir quinci da nui.
     L’altra diceva: ella potrà la pace
     Nostra ordinare, e far con esso lui,
     Il qual sapete, come avete udito,
     Che prender fa qual vuol d’ogni partito.