Pagina:Boccaccio - Il Filostrato di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto su i testi a penna, 1831.djvu/182

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
170 IL FILOSTRATO


I.


Quel giorno istesso vi fu Diomede
     Per volere a’ Troian dare Antenore,
     Perchè Priamo Griseïda li diede,
     Di sospiri, di pianti e di dolore
     Sì piena, che n’incresce a chi la vede;
     Dall’altra parte v’era il suo amadore
     In sì fatta tristizia, che alcuno
     Un simil non ne vide mai nessuno.

II.


Vero è che con gran forza nascondea
     Mirabilmente dentro al tristo petto
     La gran battaglia la qual’egli avea
     Con sospiri e con pianto; e nell’aspetto
     Niente o poco ancor gli si parea,
     Come ch’egli attendesse esser soletto,
     E quivi piangere e rammaricarsi,
     Ed a grand’agio seco disfogarsi.

III.


Oh quante cose nell’altera mente
     Gli vennero, Griseida vedendo
     Rendere al padre! questi primamente
     D’ira e di cruccio tututto fremendo,
     Seco rodeasi, e dicea pianamente:
     O misero dolente, e che più attendo?
     Non è el meglio una volta morire,
     Che sempre in pianto vivere e languire?