Pagina:Boccaccio - Il Filostrato di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto su i testi a penna, 1831.djvu/241

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

PARTE SETTIMA 229


LXVII.


L’udir talvolta nominare il loco
     Dove dimori, o talvolta vedere
     Chi di là venga, mi raccende il fuoco
     Nel cor mancato per troppo dolere,
     E par ch’io senta alcun nascoso giuoco
     Nell’anima legata dal piacere,
     E meco dico: quindi veniss’io
     Onde quel viene, o dolce mio disio!

LXVIII.


Ma tu che fai tra’ cavalieri armati,
     Tra gli uomin bellicosi e tra’ romori,
     Sotto le tende in mezzo degli aguati,
     Sovente spaventata da’ furori
     Del suon dell’armi, e delle tempestati
     Marine, a cui vicina ora dimori?
     Non t’è el, donna mia, gravosa noia,
     Ch’esser solei sì dilicata in Troia?

LXIX.


I’ ho di te nel ver compassïone,
     Più ch’io non ho di me siccome deggio.
     Ritorna adunque, e la tua promissione
     Intera fa’ prima ch’io caggia in peggio:
     Io ti perdono ogni mia offensione
     Per dimoranza fatta, e non ne chieggio
     Ammenda, fuor vedere il tuo bel viso,
     Nel quale è sol tutto il mio paradiso.