Pagina:Boccaccio - Il Filostrato di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto su i testi a penna, 1831.djvu/96

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
84 IL FILOSTRATO


XI.


Chi potria dire intera la letizia
     Che l’anima di Troilo sentiva
     Udendo Pandar? che la sua tristizia
     Com più parlava più scemando giva:
     I sospir ch’egli aveva a gran dovizia
     Gli dieder luogo, e la pena cattiva
     Si dipartì, e ’l viso lagrimoso,
     Bene sperando, divenne gioioso.

XII.


E sì come la nuova primavera,
     Di fronde e di fioretti gli arboscelli,
     Ignudi stati in la stagion severa,
     Di subito riveste e fagli belli;
     I prati, e’ colli, e ciascuna riviera
     Riveste d’erbe e di be’ fior novelli,
     Così di nuova gioia tosto pieno,
     Sì rise Troilo nel viso sereno.

XIII.


E dopo un sospiretto, riguardando
     Pandar nel viso, disse: amico caro,
     Tu ti dei ricordare e come e quando
     Già pianger mi trovasti nell’amaro
     Tempo, che io solea avere amando;
     Ed ancor simil, quando procacciaro
     Le tuo parole di voler sapere,
     Qual fosse la cagion del mio dolere;