Pagina:Boccaccio - Il comento sopra la Commedia di Dante Alighieri di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto sopra un testo a penna. Tomo I, 1831.djvu/373

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

SOPRA DANTE 353

massimamente da’ poeti perciocchè di queste così fatte dimostrazioni, niun altro par dover essere miglior maestro che colui, il quale col suo artificio sa perpetuare i nomi de’ valenti uomini, e le glorie degl’imperadori e de’ popoli, e questi sono i poeti, de’ quali è oficio il producere in lunghissimi tempi i nomi, e l’opere de’ valenti uomini e delle valorose donne. La qual cosa quantunque facciano ancora gli storiografi, perciocchè nol fanno con così fiorito, con così rilevato, nè con così ornato stilo, sono in ciò loro preposti i poeti: li quali in questa parte l’autore intende per la perseverante dimostrazione, la qual sempre davanti da sè porta i nomi e l’opere di coloro che son degni di laude. Ma puossi qui muovere un dubbio e dire, che hanno a fare gli uomini d’arme, e le donne, con coloro li quali per filosofia son famosi? Al quale si può così rispondere: non essere alcun nostro atto laudevole, che senza filosofica dimostrazione si possa adoperare. Stolta cosa è a credere, che niuno imperadore possa il suo esercito guardare o guidi salvamente, senza prendere i luoghi da accamparsi, trovare le vie per le quali aver con salvo condotto si possano le cose opportune agli eserciti, guardarsi dalle insidie, prender l’ordine o dare al combattere una città, ad assalire i nemici, al venire alla battaglia, se la disciplina militare, nella quale gli conviene essere amniaestratissimo, non gliele dimostra; e questa disciplina militare è fondata e stabilita sopra i discreti consigli della filosofia, li quali quantunque non paia

com. di dante T. I. 23