Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
142 LA TESEIDE


68


Ma tu m’hai fatto in alcun caso torto;
     Perocch’io amo, e non son punto amato:
     Ond’io non spero mai d’aver conforto,
     Ed hammi sì tutto l’ardir levato,
     Che dir non so, e tu te ne se’ accorto,
     Perchè troppo m’hai posto in alto stato,
     A quel che a mia fortuna si conviene,
     Ch’io non son ricco d’altro che di pene.

69


Deh quanto mi saria stata più cara
     La morte, che aspettar la sua saetta!
     Oh quanto dicer può che l’abbia amara
     Qualunque è quel che dolente l’aspetta;
     Perocchè in essa poco ben ripara,
     A rispetto del male ch’ella getta:
     E però s’io mi dolgo n’ho ragione,
     Vedendo me legato in tua prigione.

70


Ma tu se’ tanto e tal, caro signore,
     Ch’ogni mia doglia puoi volgere in pace,
     Facendo ch’ella me senta nel cuore,
     Qual’ella dentro al mio sentir si face:
     Ed io, siccome umíle servidore,
     Ti prego il facci, Amore, se ti piace:
     Deh chi sarà di me poi più contento,
     Se per me prova quel che per lei sento?