Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/254

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
236 LA TESEIDE


74


E coronò di quercia cereale,
     Fatta venire assai pietosamente,
     Tututto il tempio, e ’l suo capo altrettale:
     Poi fatto il grasso pin minutamente
     Spezzare a’ servi, con misura eguale,
     Sopra l’altare, molto reverente,
     Due roghi fece di simil grossezza,
     Nè ebbe l’un più che l’altro d’altezza.

75


Quindi con pia man v’accese il foco,
     E quel di vino e di latte innaffiato,
     Per tre fiate temperò un poco:
     E poi l’incenso prese, e seminato
     Sopra di quello riempiè il loco
     Di fummo assai soave in ogni lato:
     E poi si fe’ più tortore recare,
     E ’l sangue lor sopra ’l fuoco spruzzare.

76


E molte bianche agnellette bidenti
     Elatte al modo antico ed isvenate
     Si fe’ recare avanti alle sue genti,
     E tratti loro i cuori e le curate,
     Ancor gli caldi spiriti battenti,
     Sopra gli accesi fuochi l’ha posate:
     E cominciò pietosa nell’aspetto
     Così a dir come appresso fia detto: