Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/291

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO OTTAVO 273


38


Quando l’Arcado Evandro di lontano
     Di tai campion si vide rimanere
     Sol, quasi l’ira il fe’ tornare insano;
     E senza più di sua vita temere,
     La bella spada recatasi in mano,
     In ver Sicheo corse, e con potere
     Sommo gli fece da presso sentire
     Come sapeva di spada fedire.

39


Ben si difese il giovinetto accorto,
     E ben l’ataro i suoi arditamente,
     Tal che Narizio Lesbio vi fu morto,
     E ben battuta d’una e d’altra gente;
     Ma alla fine Evandro bene scorto,
     Abbracciato Sicheo fortemente,
     Giù del cavallo il voleva tirare,
     Nè ’l potean colpi da lui separare.

40


Tenevasi Sicheo, ed abbracciato
     Aveva lui, e in qua e ’n là correndo
     Givan, ciascun dal suo destrier menato:
     Ultimamente ciascun pur tenendo,
     Fu dal cavallo in tal modo portato,
     Ched e’ votaron gli arcioni, e cadendo
     Si magagnaron di maniera tale,
     Che più non fero il dì nè ben nè male.


bocc. la teseide 18