Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/364

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
346 LA TESEIDE


35


Ben ci ha da render allo guiderdone
     Delle fatiche da lui ricevute,
     I’ dico al tuo amico Palemone,
     Del quale a me domandi la salute:
     Sol che tu sani, io ho opinione
     Di porvi in parte, per vostra virtute,
     Dove di voi tra voi ancor sarete
     Contenti sì, che lieti viverete.

36


Arcita nulla a questo rispondea,
     Sì lo strigneva l’angoscia d’amore,
     Ed il suo stato assai ben conoscea,
     Posto che i conforti del signore
     Divoto udisse quanto più potea:
     E già l’ambascia s’appressava al core
     Della misera morte; onde si volse
     In altra parte, ed a Teseo si tolse.

37


E poi ch’e’ fu alquanto dimorato
     Senza mostrare o dire alcuna cosa,
     Com’era in prima si fu rivoltato,
     E ’n voce rotta assai ed angosciosa
     Prega che Palemon li sia chiamato
     Anzi ch’e’ lasci esta vita noiosa:
     Il qual lì venne senza dimorare
     Con altri molti per lui visitare.