Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/375

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO DECIMO 357


68


Il gran Teseo m’avea serbata a Acate,
     Col quale io giovinetta mi crescea:
     Bello era e fresco nella sua etate,
     E nelli primi amori assai piacea
     A me: ma la mal nata crudeltate,
     Che ha contro il nostro sangue Citerea,
     Nel tolse, già al maritar vicina,
     Benchè io fossi ancora assai fantina.

69


Questa non sazia del primo operare
     Contra di me, or le veggendo mio,
     Similemente mi ti vuol levare:
     Adunque non t’uccide altri che io;
     Io, lassa, colpa son del tuo passare:
     Il mio agurio tristo e ’l mio disio
     Ti noccion, lassa, ed io rimango in pene
     Ed in tormento, non qual si convene.

70


Oimè! sopra di me ne andasse l’ira
     Che altrui nuoce, per la mia bellezza:
     Che colpa ci ha colui che me disira,
     Se la spietata Vener mi disprezza?
     Perch’ora contra te diventa dira?
     Perchè in te discopre sua fierezza?
     Maledetta sia l’ora ch’io fui nata,
     Ed a te prima giammai palesata.