Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/383

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO DECIMO 365


92


Allora l’ara fu apparecchiata,
     E’ fuochi accesi, e gl’incensi donati,
     E ciascun’altra offerta a ciò parata,
     E’ sacerdoti i versi ebber cantati
     Con voce assai dall’altre trasmutata,
     E’ fumi furon tutti al cielo andati:
     Arcita piano incominciò a dire
     In guisa tal che si potè sentire:

93


O caro Iddio di Proserpina figlio,
     A cui stà via l’anime portare
     De’ corpi, e quelle, secondo il consiglio
     Che da te prendi, le puoi allogare;
     Piacciati trarmi di questo periglio
     Soavemente per le tue sante are,
     Le quali ancora calde per me sono,
     Che a te in su quelle offersi eletto dono.

94


E quinci me in tra l’anime pie,
     Le qua’ sono in Eliso, mi trasporta;
     Chè se tu miri ben l’opere mie,
     Non m’hanno fatto dell’aura morta
     Degno, siccome fur l’anime rie
     De’ miei maggiori, a’ qua’ crudele scorta
     Fece Giunone adirata con loro,
     Con ragion giusta a lor donando ploro.