Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/382

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
364 LA TESEIDE


89


Amici cari, io me ne vo dicerto,
     Perch’io vorrei a Mercurio litare,
     Acciò che esso, per sì fatto merto,
     In luogo ameno piacciagli portare
     Lo spirto mio, poi che gli fia offerto;
     E vorrei questo domattina fare:
     Però vittime, legni ed olocausti
     M’apparecchiate a lui decenti e fausti

90


Palemon ch’era a questo dir presente,
     Come quel che da lui mai non partia,
     Fe’ apprestar tutto ciò immantenente
     Che a cotal meslier si convenia;
     E sangue e latte nuovo di bidente
     Gregge e d’armenti, quali all’ara pia
     Si richiedean di così fatto Iddio,
     Per adempire d’Arcita il disio.

91


Il giorno venne oscuro e nebuloso;
     E questi Febo s’avea messi avanti
     Al viso, acciocchè ’l morire angoscioso
     D’Arcita non vedesse i tristi pianti
     D’Emilia bella, a’ qual assai pietoso
     Si mostrò il giorno, gli suoi luminanti
     Raggi celando in fra le nebbie iscure,
     Vedendo chiaro le cose future.