Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/411

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO UNDECIMO 393


62


Ma poi nell’unta palestra Teseo
     Per virtù propria meritò l’onore,
     Perocchè al tempo suo me’ ch’altro il feo;
     E ben lo seppe Elena: e per maggiore
     Gloria gli fece lì recare Egeo
     Un bello scudo e di molto valore,
     Nel quale si vedea Marsia sonando,
     Sè con Apollo nel sonar provando.

63


Vedeasi appresso superar Pitone,
     E quindi sotto l’ombre grazïose
     Sopra Parnaso presso all’Elicone
     Fonte seder con le nove amorose
     Muse, e cantar maestrevol canzone:
     Ed oltre a queste, v’eran molte cose
     Tutte in onor di Febo, con molto oro,
     Belle a vedere e care per lavoro.

64


Poi al cesto giucando, assai più degno
     Polluce si mostrò che avanzato
     Aveva Ammeto, pien d’alto disdegno,
     Da Febo male in ogni cosa atato:
     Onde per la gran forza e per lo ingegno,
     Il quale avea ne’ giuochi adoperato,
     Li fe’ venire Egeo due nappi grandi
     Per oro cari e per arte ammirandi.