Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/415

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO UNDECIMO 397


74


E per li monti si vedien fuggire
     Le dolorose madri co’ figliuoli:
     Parevansi le voci ancor sentire
     De’ lor dolenti e dispietati duoli;
     E vediensi le donne achive gire
     Nell’alte torri con diversi stuoli,
     E arder ogni cosa, poscia ch’esse
     Ebber le corpora in le fiamme messe.

75


E quella tutta nel fuoco avvampare:
     Poi v’era il campo tutto ricercato
     Da chi dovea cotal uficio fare,
     Nel qual tra gli abbattuti era trovato
     Arcita tutto sanguinoso stare
     A Palemon ancor presso pigliato,
     E a Teseo menati per prigioni,
     Perchè parevan nobili baroni.

76


Poi ciascheduno tristo e doloroso
     Al carro avante a Teseo trionfante
     Vi si vedeva, ed in atto pensoso:
     E rimirando un poco più avante,
     I prigion si vedieno, e l’amoroso
     Giardino ancora allato a loro stante,
     Tutto vestito pel tempo novello
     Di nuove frondi grazïoso e bello.