Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/416

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
398 LA TESEIDE


77


Nel qual la lieta e bella giovinetta
     Gir si vedeva in su gli nuovi albori,
     E lietamente cantando soletta,
     Frondi cogliendo e bellissimi fiori,
     Ed a sè far leggiadra ghirlandetta:
     E quivi a finestrella gli amadori
     Erano in guisa, che chi gli mirava,
     Diceva che ciascun di loro amava.

78


Vediensi poi li lor grievi sospiri,
     E’ rotti sonni e l’amorosa vita,
     E chenti e quali fosson lor martíri:
     E quivi appresso ancora come Arcita
     Di Peritoo con sommi disiri
     Disprigionato faceva partita,
     Ed in Corinto si vedea arrivare,
     Quindi in Micena, poi in Egina andare.

79


Poscia d’Egina ad Atene tornato
     E dipartito dallo re Peleo,
     Ed il gran tempio d’Apollo lasciato,
     Vi si vedeva servire a Teseo:
     E mentre stette in così fatto stato,
     Ciò ch’el fe’ v’era, e siccome Penteo
     Dir si faceva, e siccome soletto
     Se n’andava talvolta nel boschetto.