Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/440

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
422 LA TESEIDE


56


Di sotto a queste eran gli occhi lucenti,
     E più che stella scintillanti assai;
     Egli eran gravi e lunghi e ben sedenti,
     E brun quant’altri che ne fosser mai;
     E oltre a questo, egli eran sì potenti
     D’ascosa forza che alcuno giammai
     Non gli mirò, nè fu da lor mirato,
     Ch’amore in sè non sentisse svegliato.

57


I’ ritraggo di lor poveramente,
     Dico a rispetto della lor bellezza,
     E lasciogli a chiunque d’amor sente
     Che immaginando vegga lor chiarezza;
     Ma sotto ad essi non troppo eminente,
     Nè poco ancora, di bella lunghezza
     Il naso si vedeva affilatetto,
     Qual si voleva all’angelico aspetto.

58


Le guance sue non eran tumorose,
     Nè magre fuor di debita misura,
     Anzi eran dilicate e grazïose,
     Bianche e vermiglie, non d’altra mistura
     Che in tra gigli le vermiglie rose;
     E questa non dipinta, ma natura
     Gliel’avie data, il cui color mostrava
     Per ciò che ’n ciò più non le bisognava,