Pagina:Boccaccio - Ninfale fiesolano di Giovanni Boccaccio ridotto a vera lezione, 1834.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

parte quinta 107

XXXIX.

Qual torre fu giammai sì ben fondata
     In su la terra, ch’essendo ella suta
     Da tanti colpi percossa e scalzata,
     Poi non si fusse piegata o caduta?
     O qual fu quella mai sì dispietata,
     Col cor d’acciaio che non fusse arrenduta
     Per le lusinghe d’Affrico e al baciare,

     Che arebbon fatto le montagne andare?

XL.

Mensola che d’acciaio non avea il core,
     S’era gran pezzo scossa e ancor difesa,
     Ma non potendo alle forze d’Amore
     Resister, fu da lui legata e presa;
     Ed avendo ella il suo dolce sapore
     Prima assaggiato con alquanto offesa,
     Pensò portar quel poco del martire

     Mescolato con sì dolce disire.

XLI.

E tant’era la sua simplicitade,
     Che non pensò che altro ne potesse
     Addivenir, come quella che rade
     Fiate, o forse mai nessuna, avesse
     Giammai udito per qual dignitade
     L’uom si creasse, e poi come nascesse:
     Nè sapea che quel tal congiugnimento
     Fosse il seme dell’uomo e il nascimento.