Pagina:Boccaccio - Ninfale fiesolano di Giovanni Boccaccio ridotto a vera lezione, 1834.djvu/265

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

epistola a francesco de’ bardi 95

amari pensieri, per la presente lettera te ne mandiamo: il quale ne’ termini più atti e convenevoli ti preghiamo con quello animo legghi, che noi per diporto di noi medesimi ti scriviamo.


EPISTOLA IN LINGUA NAPOLETANA



Faccimote adunqua, caro fratiello, a saperi, che lo primo juorno de sto mese de Deciembro Machinti filliao, e appe uno biello figlio masculo, cha Dio nce lo garde, e li dea bita a tiempo, e a biegli anni. E per chillo cha ’nde dice la mammana cha lo levao, nell’ancuccia tutto s’assomiglia allu pate. E par Dio credamolillo; cha ’nde dice lu patino, cha la canosce cha d’è bona perzona. O biro Dio, cha ’nde apisse aputo uno madama la reina nuostra! Acco festa, cha ’nde faceramo tutti per l’amore suojo! Ah macari Dio stato ’nci fussi intanto, ch’apissovo aputo chillo chiacere in chietta, com’av’io mediemmo! E sacci, cha qualle appe filliato Machinti, a cuorpo li compari lie mandaro lo chiu bello puorpo cha bidissovo ingimai: e mandicaosillo tutto; cha ’ncelle puozza, si buoi tu, benire scaja, cha schitto tantillo non ce de mandao. E dappoi arquanti juorni lo facimo batiggiare, e portavolo la mammana incombogliato in dello ciprese di Machinti, in chillo dello ’mbelloso inferrato di varo: non sacco, se te s’arrecor-