Pagina:Boccaccio - Ninfale fiesolano di Giovanni Boccaccio ridotto a vera lezione, 1834.djvu/279

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

109

     .     .     .     .     .     .     .     Per veder questo
     Uscian de’ tetti, empiean le strade, e i campi
     Le genti tutte, e i giovini, e le donne
     Stavan con meraviglia, e con diletto
     Mirando, e vagheggiando quale andava
     E qual sembrava.''

(Virgil. Eneide, lib. vii. v. 812,

trad. di Annibal Caro)        

Lascio di parlare e delle tede funeree, e dei cori de’ sacerdoti, che pace dal cielo con mesto canto pregavangli, e dei destrieri, e dell’armi, e delle frecce, e dei rimanenti segnali dell’abbandonata milizia; che lungo ed inesplicabile saria il tutto con luogo ed ordine raccontare. Sia bastevole dire, che chiamato e pianto da tutti è Lorenzo al punto, che in vedendo le insegne militari postergate, ed i vestimenti degli amici, e dei servitori di squallore coperti, rinvigorì la pietà. Al fine dopo lungo sermone d’un certo egregio teologo in laude sua, lo consegnammo all’eterna pace, nè altro rimane da fargli a mio credere, se non quello che tu con musa flebile ne canterai. Ma di questo avendo per ora parlato a bastanza, ha da voltarsi ad altro la penna.

Se tu godi buona salute, e se tutto risponde ai tuoi desiderii, me ne rallegro, e più se avrai conosciuto te stesso. Io bramava certamente, e m’era proposto di venire la prossima state a Napoli per rivedere te, il signore tuo, ed il padre mio vescovo fiorentino; ma, come già dissi, per non essere chiamato seguace delle felicità, temo che non ne farò