Pagina:Bonarelli, Guidubaldo – Filli di Sciro, 1941 – BEIC 1774985.djvu/280

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


          ricamato di stelle
          spieghi pur vago il manto de la notte;
          né più d’Austro interrotte
          cessin dai dolci scherzi aure volanti :
          con più vaghi sembianti
          escan tranquille fuore
          dal grembo de la notte albe ed aurore.
          Estate
          Poiché gelido verno
          a sé richiama i turbini piovosi,
          scote i gioghi nevosi,
          e lieto pur, come comanda Giove,
          del fredd’imperio suo cede ? governo,
          deh comincia tue prove,
          ed apri il tuo fiorito erboso seno,
          primavera gentile,
          destando ai dolci di l’aure d’aprile.
          Autunno
          Mira, deh mira omai come d’intorno,
          già serenato il cielo,
          ogni pianta, ogni stelo
          n’aspetta desiando il tuo ritorno.
          Non più contende in guerra
          Borea con Austro, anzi sol par che brami
          per il libero ciel misto l’impero.
          Odine l’aure di lor tregua araldi.
          Par che di già spanda a’ tuoi pie la terra
          gran manto di smeraldi,
          perché su vi ricami
          di più odorati fiori
          quasi in serico vel tirii lavori.