Pagina:Bonarelli, Guidubaldo – Filli di Sciro, 1941 – BEIC 1774985.djvu/312

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


pleines d’affectation, et je ne m’en étonne pas. Les poetes italiens ne sont guère naturels, il fardent tout; et le Tasse, par ce seul endroit, est bien au-dessous de Virgile. » [D. Bouhours: La manière de bien penser dans les ou- vrages d’esprit, Paris, 1687, Dialogues II, p. 248.]

II duca Alfonso si compiaceva oltremodo [delle favole pastorali]; e Guidubaldo, che niente più desiderava che la soddisfazione di un principe a lui cosi grato, imprese a for- mare la sua Filli di Sciro, pastorale di tal bellezza, che in lei rassembrano chiusi tutti i poetici fiori e tutte le delizie di Pindo. Fuori delle due favole del Guarini e del Tasso, alle quali per opinione di molti puٍ andar del pari, non puٍ leg- gersi favola alcuna boschereccia che più della sua Filli abbia proprietà nello ’ntreccio, dolcezza nello stile e squisitezza nel sentimento. Ella fu accolta da tutti con quegli applausi che meritava; ed egli modestamente ne rifondeva tutta la gloria nel duca, la benignità del cui patrio cielo, diceva egli, aveva inspirata a’ Boiardi, agli Ariosti, a’ Tassi, a’ Guarini ed a tanti altri la poetica fantasia. Questo nobile parto di Guidubaldo ne fu cagione di un altro non men di esso eccellente, ripieno della più profonda dottrina e dettato col più delicato giudizio che concepir mai si possa. Aveva egli nella sua Filli introdotta una ninfa onesta per nome Celia, che nello stesso momento e d’un amore uguale s’era accesa di due pastori, Niso ed Aminta; cosicché, non trovando altro rimedio al suo amore, non dubitasse di voler incontrare per cagione di tutti e due violentemente la morte. Un amore si stravagante, e non più sulle scene praticato, offese la delicatezza di molti, i quali negavano apertamente che in un sol tempo si potessero amar del pari due soggetti, essendo ciٍ contrario alla comune spe- rienza e alla probabil ragione. Guidubaldo allora imprese a formar la Difesa del doppio amore di Celia, mostrando con qual fondamento lo avesse nella sua favola introdotto, e so-