Pagina:Boselli - Discorsi di guerra, 1917.djvu/217

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

197

si affievolisce, per l’aggravarsi degli anni. (Approvazioni).

Questa fiamma si alimenta dell’ardore comune e generale del popolo che combatte eroicamente, del popolo che resiste a ogni maggiore prova.

Questa fiamma, onorevoli deputati, si rinnova nell’entusiasmo della nostra gioventù, che sempre più si eleva ai giorni nostri nelle idealità, che sempre più si tempra nelle opere gagliarde della nostra gioventù, a cui noi consegnammo il retaggio dei patriottici ricordi, ma che in noi trasfonde il palpito possente dell’ora presente e la visione profetica dell’avvenire. (Vivissimi generali e prolungati applausi. La Camera prorompe in una ovazione).

Ed ora, se la Camera consente, io dirò quali ordini del giorno il Governo accetta, e quali non può accettare.

L’ordine del giorno dell’onorevole Gasparotto riguarda un argomento di grandissima importanza: è un dovere di giustizia lo studiarlo. Io lo accolgo quale raccomandazione, e voglia il proponente affidarsi a tale mia accettazione.

Eloquenti parole disse l’onorevole Toscano in nome della sua Messina per la difesa dai sommergibili. Non occorre che io ripeta che è sommo dovere del Governo di provvedervi, e da sè e insieme cogli alleati, e promovendo gli strumenti e gli esperimenti che meglio valgano all’uopo, e rendendo più vigili le guardie e più intensa la difesa. Confido perciò che l’onorevole Toscano non insisterà nella sua proposta.

L’onorevole Gazelli può essere certo delle cure del Governo per ciò che riguarda la provvista del carbone,