Pagina:Boselli - Discorsi di guerra, 1917.djvu/236

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
216

Io conosco i sentimenti del senatore Bergamasco e sono certo che questa sua interrogazione muove solamente dalla grande sollecitudine, che egli ha perchè la nostra marina prosegue sempre con la maggiore compagine di efficienza gloriosa, e in modo anche da escludere tutte quelle discussioni che possono pregiudicare questa compagine; e so, per altra parte, che il senatore Bergamasco ammira al pari di me i servizi che la nostra marina da guerra già rese alla presente impresa nazionale, e al pari di me confida in quelle altre prove di valore che la marina italiana darà nella guerra nostra e nella guerra della civiltà. (Bene).

Perciò egli, che nutre questi sentimenti, e che sa che questi sentimenti sono conformi ai miei, non vorrà insistere per uno svolgimento prossimo della sua interrogazione, affidandosi ai sentimenti miei; ed io considererò la sua interrogazione con quella ponderazione che meritano tutte le interrogazioni che vengono da membri del Senato del Regno. (Bene).

* * *

Nella seduta del 15 luglio l’On. Pedotti, Presidente della Commissione di Finanze, presentò la relazione al disegno di legge per un’inchiesta parlamentare sulla liquidazione delle gestioni per le esposizioni di Roma, Torino e Palermo e per la liquidazione delle esposizioni di Bruxelles, Faenza e Parma. Si prosegui poi nella discussione del disegno di legge circa gl’infortuni sul lavoro in agricoltura con dotti discorsi di molti e competenti Senatori.

Questa discussione ebbe termine nella seduta antimeridiana del 16 luglio.

Nella seduta pomeridiana dello stesso giorno il progetto di legge fu approvato, con votazione a scrutinio segreto, con 73 voti favorevoli ed 8 contrari, su 81 votanti.

Fu poi iniziata e terminata la discussione del disegno di legge circa l’esercizio provvisorio dei bilanci fino al 31 ottobre.

Presero parte alla discussione i Senatori: Dorigo, Sinibaldi, Rolandi Ricci. Ad essi rispose prima l’On. Carcano, poi l’On. Boselli.