Pagina:Boselli - Discorsi di guerra, 1917.djvu/75

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

55

lere assoluto della Camera che lo Stato italiano provveda alla loro sorte se invalidi sono, provveda ai loro figli se essi muoiono combattenti in guerra. (Benissimo!)

Io mi associo a questo pensiero nobilissimo del deputato Luzzatti. Diremo a un tempo a questi combattenti che il Governo e la Camera s’interessano anche alle loro pensioni di guerra, e questo saluto che partirà da qui oggi lo vorranno recare specialmente ai nostri combattenti di terra e di mare quelli fra i nostri colleghi che partiranno presto da quest’aula per recarsi un’altra volta a combattere valorosamente in mezzo ai nostri soldati e ai nostri marinai. (Vivi applausi). Lo direte tutti voi, onorevoli deputati, tornando nelle vostre città, tornando nelle vostre terre, poiché se giova dirlo a coloro che combattono, giova dirlo anche alle loro consorti, alle loro famiglie! (Vivissime approvazioni). Giova che non solo sul fronte dove si pugna, si muore e si vince, ma che in ogni focolare domestico si sappia che la Patria impone dei sacrifici, ma che la Patria non è solo grata con la parola, ma è e sarà con le opere provvida con tutti coloro che oggi soffrono per essa e un giorno avranno la gloria di aver partecipato a questa sua completa e vittoriosa resurrezione! (Vivissimi applausi).

Accetto dunque l’ordine del giorno dell’onorevole Luzzatti.

Non mi attardo a pregare l’onorevole Modigliani e gli altri deputati perché ritirino i loro emendamenti. Il ministro del tesoro ha spiegato le ragioni per cui non possono essere accettati. Il termine a tutto il 31 dicembre egli ha dimostrato come sia una necessità: negare questa necessità è implicitamente negare la fiducia. Perciò il