Pagina:Buoninsegni, Contro 'l lusso donnesco, 1644.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44 DEL LVSSO

l’humana avaritia fin dalle viscere dell’inferno, sia condannato sotto i piedi di una donna, sottoposto all’infortunio miserabile de’ vasi d’oro di quella gentildonna Romana de’ quali chi havesse curiosità di saper la disgratia, la dimandi a Martiale, che glela dirà in quel facetissimo Distico che dice

Ventris onus misero (nec te pudet) excipis auro,
Bassa . . . . . . . . . . . . .

Mi sono scordato dell’altro. Se alcuno di questi signori, che mi ascoltano lo sà, faccia gratia di