Pagina:Cabala del cavallo Pegaseo con l'aggiunta dell'Asino Cillenico.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

sopra la seguente cabala 11

l'asino, dice, cangiarai con la pecora; il primogenito de l'uomo redimerai col prezzo. Quando nel medesimo libro è donata legge al desiderio de l'uomo, che non si stenda a la moglie, a la servente, vedi nel medesimo numero messo il bue e l'asino: come che non meno importi proporsi materia di peccato l'uno che l'altro appetibile. Però quando nel libro de' Giudici cantò Debora e Barac, figlio d'Abinoen, dicendo: Udite, o regi, porgete l'orecchie, o principi, li quali montate sugli asini nitenti e sedete in giudizio! interpretano li santi Rabbini: O governatori de la terra, li quali siete superiori a li generosi popoli, e con la sacra sferza li governate, castigando li rei, premiando li buoni, e dispensando giustamente le cose! Quando ordina il Pentateuco, che devi ridur ed addirizzar al suo cammino l'asino e bue errante del prossimo tuo, intendeno moralmente li dottori, che l'uomo del nostro prossimo Iddio, il quale è dentro di noi ed in noi, s'avviene che prevarichi da la via de la giustizia, debba essere da noi corretto ed avvertito. Quando l'archisinagogo riprese il signor, che curava nel sabbato, ed egli rispose, che non è uomo dabbene, che in qualunque giorno non vegna a cavar l'asino o bue dal pozzo, dove è cascato, intendono li divini scrittori, che l'asino è l'uomo semplice, il bue è l'uomo, che sta sul naturale, il pozzo è il peccato mortale, quel che cava l'asino dal pozzo, è la divina grazia e ministero, che redime li suoi diletti da quell'abisso. Ecco dunque, qualmente il popolo redemuto, pregiato, bramato, governato, addirizzato, avvertito, corretto, liberato, e finalmente predestinato, è significato per l'asino, è nominato asino. E che gli asini son quelli, per li quali la divina benedizione e grazia piove sopra gli uomini, di maniera che guai a color che vegnon privi del suo asino, certamente molto ben si può veder ne l'importanza di quella maledizione, che impiomba nel Deuteronomio, quando minacciò