Pagina:Cabala del cavallo Pegaseo con l'aggiunta dell'Asino Cillenico.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

sopra la seguente cabala 15

mondo disse a li ministri suoi: Andate al castello, che avete a l'incontro! cioè, andate per l'universo mondo sensibile e corporeo, il quale come simulacro è opposto e supposto al mondo intelligibile ed incorporeo. Trovarete l'asina ed il pulledro legati: v'occorrerà il popolo ebreo e gentile sottomesso e tiranneggiato da la cattività di Belial. Dice ancora: Scioglieteli, levateli de la cattività! per la predicazion de l'evangelio ed effusion de l'acqua battismale, e menatele a me, perché mi servano, perché siano miei, perché portando il peso del mio corpo, cioè de la mia santa instituzione e legge sopra le spalle, ed essendo guidati dal freno de li miei divini consigli, sian fatti degni e capabili d'entrar meco nella trionfante Jerusalem, nella città celeste! Qua vedete, chi son li redemuti, chi son li chiamati, chi son li predestinati, chi son li salvi: l'asina, l'asinello, li semplici, li poveri d'argomento, li pargoletti, quelli ch'han discorso di fanciulli, quelli, quelli entrano nel regno de' cieli, quelli per dispregio del mondo e de le sue pompe calpestrano li vestimenti, hanno bandita da sé ogni cura del corpo, de la carne, che sta avvolta circa quest'anima, se l'han messa sotto li piedi, l'hanno gittata via a terra, per far più gloriosa — e trionfalmente passar l'asina ed il suo caro asinello. Pregate, pregate Dio, o carissimi, se non siete ancora asini, che vi faccia divenir asini! Vogliate solamente perché certo certo facilissimamente vi sarà conceduta la grazia: perché, benché naturalmente siate asini, e la disciplina comune non sia altro che una asinitade, dovete avvertire e considerar molto bene, se siete asini secondo Dio; dico, se siate quei sfortunati, che rimangono legati avanti la porta, oppur quegli altri felici, li quali entran dentro. Ricordatevi, o fedeli, che li nostri primi parenti a quel tempo piacquero a Dio, ed erano in sua grazia, in sua salvaguardia, contenti nel terrestre paradiso, nel quale erano asini, cioè semplici ed