Pagina:Cagna - Alpinisti ciabattoni.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

29


Si fecero insegnare la via del Santuario, e s’incamminarono su per l’erta lastricata con certi ciottoli così aspri che si contavano sotto le suole.

Dopo il primo tratto, Gaudenzio, che era innanzi, si fermò per tirare il fiato, e cominciò a levarsi il cappello e strofinarsi la boccia sudata.

Dinci, che strada de cravon! — e guardò l’altro tratto che svoltava ancora più ripida incassata fra le muraglie.

E avanti tutti e due, con le ginocchia sulla bocca, spingendo talvolta lo sguardo in su per misurare il resto.

Via facendo, si barattarono qualche barzelletta, ma dopo un po’ tacquero e cominciarono a sbuffare uno dopo l’altro.

Giunsero sulla prima spianata, alla cappella dell’Ossario. Di là già si spiegava il panorama del lago e delle montagne. Si fermarono per respirare un poco, guardandosi intorno, senza neanche por occhio sul paesaggio che si svolgeva abbasso.

Andarono invece a guardare i teschi e gli stinchi dell’Ossario. Gaudenzio, soffermando l’attenzione sopra un cranio che portava un berrettino nero, sclamò:

Quela lì l’era la crapa d’un pret.