Pagina:Cagna - Un bel sogno, Barbini, Milano, 1871.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 76 —


Madama Ramati potè dar passo per alcuni giorni alla mestizia della figlia quantunque fosse lontanissima dal supporne la vera causa; ma un giorno stanca di consolarla invano, le disse:

— Sii certa figlia mia che non ti condurrò mai più a Brescia. È giusto l’affliggersi per qualche tempo, ma infine bisogna pure essere ragionevoli.

Questa minaccia fece divenir Laura più cautelata, e d’allora seppe nascondere in faccia a’ suoi la sua mestizia.