Pagina:Campana - Il più lungo giorno, manoscritto, 1913.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


torrida. Volte di tre quarti ne la linea classica udendo dal sobborgo il clangore che si accentua annunciando le lingue di fuoco de le lampade inquiete a trivellare l'atmosfera carica di luci orgiastiche - ora addolcite nell'incanto di un morto cielo - ne la sosta più dolci e rosate alleggerite di un velo - come Santa Marta spezzati a terra gli strumenti - cessato sui sempre verdi paesaggi ne l'estasi il canto che il cuore di Santa Cecilia accorda col cielo latino - dolce e rosata presso al crepuscolo antico ne la linea eroica de la grande figura femminile romana sosta. Ricordi di zingare ricordi di paesi lontani ricordi di suoni e di luci - stanchezze d'amore stanchezze improvvise sul letto di una taverna lontana