Pagina:Campana - Il più lungo giorno, manoscritto, 1913.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


- altra culla avventurosa di incertezza e di rimpianto - e ancora - tutto ciò che ancora era arido e dolce sfiorite le rose de la nostra giovinezza viveva sul panorama scheletrico del mondo.


L'Amore - Ne la sera dei fuochi de la festa d'estate ne la luce deliziosa e bianca quando i nostri orecchi riposavano appena nel silenzio e i nostri occhi erano stanchi delle girandole di fuoco de le stelle multicolori che avevano lasciato un odore pirico, una vaga gravezza rossa ne l'aria e il camminare accanto ci avevano forse illanguiditi esaltandoci di una nostra troppo diversa bellezza - lei fine e bruna, pura