Pagina:Campana - Il più lungo giorno, manoscritto, 1913.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


avventurosa di quella scena. Era tardi, erano là pochi e allora sorse un'intimità libera e la ruffiana il gomito poggiato a l'ottomana, poggiata la testa, per sfondo la mobile tenda di trina - parlò - con voce un po' stanca - un po' stanca e velata ma a tratti vivace in fondo commossa parlò.

Scoprì le sua curiosità infantili. . . . . . . . . . . . . . .

· · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · · ·

Adorava i piccioni - seguiva i loro amori de le sue curiosità irragiungibili. La femmina lo picchiettava di baci da destra tanto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e poi lui perché? Non si muoveva dieci minuti - perchè. Queste domande restavano senza risposta - allora la sua nostalgia la spingeva ancora a ricordare il passato e ricordava a lungo. Fin che la conversazione si