Pagina:Campana - Il più lungo giorno, manoscritto, 1913.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


scalpitare parve perdersi sordo nell'infinito. Nel quadro de la porta aperta le stella brillarono rosse e calde ne la lontananza l'ombra de le selvaggie ne l'ombra

II - Il viaggio.

Salivano voci e voci e canti di fanciulli e di lussuria per i ritorti vichi dentro de l'ombra ardente al colle al colle. Sotto i lampioni verdi le bianche colossali prostitute sognavano sogni vaghi ne la luce bizzarra al vento. Il mare nel vento mesceva il suo sale che il vento mesceva e lavava ne l'odor lussurioso dei vichi e la bianca notte mediterranea scherzava colle enormi forme bianche de le