Pagina:Campanella, Tommaso – Poesie, 1938 – BEIC 1778417.djvu/124

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
118 scelta di poesie filosofiche

Né mi si potria dir mai ch’io fosse empio,
se da te, che mi scacci in tanto scempio,
a chi m’invita mi rivolgerei.
Deh, Signor, io vaneggio; aita, aita!
pria che del Senno il tempio
divenga di stoltizia una meschita.

In questo primo madrigale di questa canzone mirabile confessa che sempre fu esaudito al contrario da Dio; e che però e per la legge fatale, che non si rompe mai, non doverebbe piú pregare: ma, vedendo che non ci è altro rimedio né altro Dio a chi ricorrere, torna alle orazioni solite, con pentirsi di questo, di dire che, se ci fosse altro Dio, anderebbe a quello, ecc. Egli par diventar pazzo; e che l’anima sua, tempio della Sapienza divina, si fa meschita di stoltizia.

madrigale 2

Ben so che non si trovano parole
che muover possan te a benivolenza
di chi ab aeterno amar non destinasti;
ché ’l tuo consiglio non ha penitenza,
né può eloquenza di mondane scuole
piegarti a compassion, se decretasti
che ’l mio composto si disfaccia e guasti
fra miserie cotante, ch’io patisco.
E se sa tutto ’l mondo il mio martoro,
il ciel, la terra e tutti i figli loro;
perché a te, che lo fai, l’istoria ordisco?
E s’ogni mutamento è qualche morte,
Tu, Dio immortal, ch’io adoro,
come ti muterai a cangiar mia sorte?

Qua argomenta ch’e’ non dovesse pregare: primo, per lo fato risoluto nell’eterna volontá; secondo, perché non ci è eloquenza che possa persuader Dio; terzo, perché quel che vuol dire, lo sa tutto il mondo, tanto piú Dio, che lo fa o permette, ecc.; quarto,