Pagina:Campanella - La Città del Sole, manoscritto, 1602.djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

24v

[versione diplomatica] si cantano gesti d’Heroi Christiani, Hebrei, Gentili e di tutte le nationi p̃ spasso, e per godere. Si cãtano hinni d’amore, di sapientia, e d’ogni virtù. Si piglia ogn’uno quella che più ama, e fanno alcuni balli sotto chiostri bellissimi. Le donne portano li capelli lunghi inghirlandati, e tutti in un groppo in mezo la testa, et una treccia: gl’huõi solo un cerro, un velo, e berrettino. Usano cappelli in campagna, in casa berrette bianche, ò rosse, ò varie secondo l’officio, et arte che fanno, e l’officiali più grande, e pompose. Tutte le feste loro sono quattro principali cioè quand’entra il Sole in , in , , et . e fanno gran rapresentationi belle, e dotte, et ogni , et di fanno certe feste, e nelli giorni che fundano la Città, et hebbero gran Vittorie fanno il medesimo cõ musica di voci femenine, e cõ trombe, e tamburi, et artigliarie, e li poeti cantano le laudi delli più virtuosi, ma chi dice bugia in laude è punito; nõ si può dir poeta chi finge menzogne trà loro, perche questa licenza dicono ch’è ruina del mondo. Non si fà statua à nullo se nõ dopo che muore, ma vivendo si scrive nel libro dell’Heroi. Chi hà trovato arti nuove, o secreti d’importanza, ò fatto gran beneficio in guerra, ò pace al publico, no s’


[versione critica] si cantano gesti d’Eroi Cristiani, Ebrei, Gentili e di tutte le nazioni per spasso, e per godere. Si cantano inni d'amore, di sapienzia, e d’ogni virtù. Si piglia ognuno quella che più ama, e fanno alcuni balli sotto chiostri bellissimi. Le donne portano li capelli lunghi inghirlandati, e tutti in un groppo in mezo la testa, e una treccia: gl’uomini solo un cerro, un velo, e berrettino. Usano cappelli in campagna, in casa berrette bianche, o rosse, o varie secondo l’officio, e arte che fanno, e l’officiali più grande, e pompose. Tutte le feste loro sono quattro principali cioè quand’entra il Sole in Ariete, in Cancro, in Libra, in Capricorno; e fanno gran rapresentazioni belle, e dotte, e ogni congiunzione e opposizione di Luna fanno certe feste, e nelli giorni che fundano la Città, ed ebbero gran Vittorie fanno il medesimo con musica di voci femenine, e con trombe, e tamburi, e artigliarie, e li poeti cantano le laudi delli più virtuosi, ma chi dice bugia in laude è punito; non si può dir poeta chi finge menzogne tra loro, perché questa licenza dicono ch’è ruina del mondo. Non si fa statua a nullo se non dopo che muore, ma vivendo si scrive nel libro dell’Eroi. Chi ha trovato arti nuove, o secreti d’importanza, o fatto gran beneficio in guerra, o pace al publico, no s’