Pagina:Campanella - La Città del Sole, manoscritto, 1602.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

[versione diplomatica] può ben fare, chi nõ investiga l’opere sue, e nõ attende à ben filosofare, e chi nõ osserva le sue leggi sante. Quel che nõ vuoi per té nõ far’ad altri, e quel che vuoi per té fà tu il medesimo, dal che ne segue, che se dalli figli, e dalle genti noi cercamo honore alli quali poco damo assai più dovemo noi à Dio; da cui tutto recevemo, in tutto siamo e p̃ tutto che sia semp̃ lodato. Hosp. Se questi che segueno solo la legge della natura son tanto vicini al Christianesimo, che nulla cosa aggiungeno alla legge naturale se nõ li sacramenti, io cavo argomento da questa relatione, che la vera legge è la christiana, che tutti l’abusi sarà Signora del mondo, e che però li spagnoli trovano il resto del mondo, bench’il primo trovatore fù il Colombo ũmo Genovese per unirlo tutto ad una legge: e questi filosofi saranno testim̃ della verità eletti da Dio, e vedo che noi nõ sappiamo quel che facemo, ma siamo instrumenti di Dio. Quelli vanno p̃ avaritia di danari cercando nuovi paesi, ma Dio intende più alto fine. Il sole cerca struggere la tr̃a nõ far piante, et huõi ma Dio si serve di loro in questo. Sia laudato. G. e se sapessi che cossi dicono p̃ astrologia, e per li stessi profeti ñvi, et hebrei, et altre genti di questo secolo

[versione critica] può ben fare, chi non investiga l’opere sue, e non attende a ben filosofare, e chi non osserva le sue leggi sante. Quel che non vuoi per te non far’ad altri, e quel che vuoi per te fa tu il medesimo, dal che ne segue, che se dalli figli, e dalle genti noi cercamo onore alli quali poco damo assai più dovemo noi a Dio; da cui tutto recevemo, in tutto siamo e per tutto che sia sempre lodato.

Ospitalario
Se questi che segueno solo la legge della natura son tanto vicini al Cristianesimo, che nulla cosa aggiungeno alla legge naturale se non li sacramenti, io cavo argomento da questa relazione, che la vera legge è la cristiana, che tutti l’abusi sarà Signora del mondo, e che però li spagnoli trovano il resto del mondo, bench’il primo trovatore fu il Colombo uomo Genovese per unirlo tutto ad una legge: e questi filosofi saranno testimoni della verità eletti da Dio, e vedo che noi non sappiamo quel che facemo, ma siamo instrumenti di Dio. Quelli vanno per avarizia di danari cercando nuovi paesi, ma Dio intende più alto fine. Il sole cerca struggere la terra non far piante, e uomini ma Dio si serve di loro in questo. Sia laudato.
Genovese
E se sapessi che cossi dicono per astrologia, e per li stessi profeti nuovi, ed ebrei, e altre genti di questo secolo