Pagina:Canti (Leopardi - Donati).djvu/229

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

appendice 219
v. 20. cb: Spesso le chiome polverose
23. cb: Spinse de’ Medi
26. cb, cf: Gli alti gorghi d’Eufrate
33. cb, cf: Son le cure mortali?
38. cb, cf: Ne gli ozi infermi e nudi
Mutò la plebe (cf: gente)
44. cb: Andranno forse
49. cb, cf: Non isvelgono i fati
50. cb: Giade non vieta a le codarde genti
52. cb: Da la pietá. cf: Da ’l sovvenir.


VI

Bruto minore

Canzone sesta in cb.


v. 12. cb: Certo giá di morir
16 e seg. cb: ... e ’l vano
De le trepide larve | Seggio t’accoglie
21. cb: O ne l’etereo sen ludibrio e scherno
33. cb: Se a campar non vale
38. cb: Guerra impavida eterna
46. cb: Violento irruppe
49. cb: Forse i pallidi lustri
50. cb: Gli umani casi
57. cb, cf, cn: a nova legge addusse
58. cb: le infauste luci
68. cb: Al barbaro desio
71. cb: Stirpi il cielo avvivò, l’aprica stanza.
Soli, di Prometeo nipoti, increbbe.
90. cb: Rintronerá la solitaria sede.
98. cb: Ridesterá le valli, o per le balze
La paurosa plebe
101. cb, cf, cm: Oh casi! oh gener frale!
111. cb: Placar feminee grida e laudi ornaro
Di vil caterva
118. cf: O ’l nembo.