Pagina:Cantoni - Trattato completo di agricoltura, 1855, I.djvu/184

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
178 dei pronostici sulle vicende atmosferiche.

bel tempo; così se la pesantezza dell’aria dev’essere relativa all’altezza dei varj paesi, l’umidità può essere la condizione ordinaria d’un tal clima, ecc.; e per conseguenza oltre agli indizi più generici delle mutazioni atmosferiche, la valle del Po avrà i suoi indizi particolari.

Il desiderio e l’importanza pel coltivatore d’avere dei pronostici sulle vicende atmosferiche fece sì che molti abusarono della sua credulità ed ignoranza per ispacciare almanacchi che, settimana per settimana, o dì per dì, notassero il tempo che doveva fare. Ma queste predizioni, fatte anche più d’un anno prima, dovevano necessariamente esser fallaci; eppure il contadino vi credeva, avesse il suo almanacco indovinato anche una sola volta sopra cento: quando poi l’almanacchista non sapeva che dire, segnava caldo d’estate, freddo nell’inverno, ed allora soltanto era certo di non fallare, e di farsi una discreta riputazione.

Un celebre astronomo diceva che lo stato presente dell’atmosfera doveva considerarsi come l’effetto del suo stato anteriore, e quindi come causa di quello che lo seguiva. Dunque vedete che non solo non si può indovinare un anno prima, ma che sarebbe ancora una bella cosa il poter predire coi pronostici dell’oggi che tempo farà domani o qualche giorno più in là.

§ 187. Il primo libro popolare che abbia francamente affrontati i pregiudizj, fu un almanacco uscito nel 1848 a Milano col nome il Nipote del Vesta Verde, le parole del quale, siccome assai sensate, rubo quasi per intiero, ricordando esse alcuni pregiudizj ancora radicati nel volgo, ed accennando quali sieno i pronostici più attendibili.

«Interrogate, ei dice, la donnicciuola, interrogate il contadino, il barcaiuolo, il vetturale, il montanaro, e scoprirete una ricchezza d’aforismi, d’osservazioni, di proverbj, tutti diretti a indovinare il tempo. L’una consulta il sale, il lucignolo della sua lucerna, le pantomime del suo gatto; l’altro guarda la