Pagina:Capuana - Eh! La vita.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 luigi capuana


— Eccola là! — rispose il Parroco. — Appoggiata al muro.

Il manico della campanella, incastrato in bilico su un grosso bastone colorato in rosso, era già ornato di rose finte; e lasciava pendere fino a terra il laccio che doveva permettere di fare quei rintocchi di rito: ’Ntio! ’Ntio! ’Ntio!

Saro volle provarsi.

— Bravo! — disse il Parroco. — Ma bisogna attendere fino a venerdì sera, per la certezza. Si tratta dell’interesse della chiesa; le offerte non servono per me ma per le spese del culto.

Nino Sbrizza volle arrivare proprio all’ultimo momento, e soverchiare tutti. Andò, di sera, in casa del Parroco per parlargli a quattr’occhi. Nella sagrestia c’era sempre gente, o il sagrestano; e Nino non voleva testimoni.

— Dica, vossignoria; io accetto la sua parola.

— Ma, figliuol mio...

— Niente! Pago sùbito, in contanti anche. Dica vossignoria!... E pago io pure la banda.

— Sogliono far cena a mezzanotte. Un montone al forno, e vino e càlia... Lo sai!

— Due montoni, se occorrono... E quel che vossignoria comanda!