Pagina:Capuana - Giacinta.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 76 —


Andrea si levò subitamente in piedi e, dandole un’allegra abbracciatina:

— Sono innamorato — le disse.

La vecchia rideva.

— Che! Che! Lei non ha presa...

— Questa volta è per davvero.

— Tanto meglio! Metterà senno. L’amore matura l’uomo.

Andrea portò le dita alla bocca e vi scoccò su due baci, poi fece atto di gettarli dalla finestra, lontano...

Ma la vecchia andò via, con la chicchera in mano, scrollando la testa:

— Amore?... Fuoco di paglia!

XI.

Da quella sera in poi la tristezza di Giacinta si era quasi raddoppiata.

— S’ammalerà di nuovo — le diceva Marietta.

E tentava di svagarla:

— Signorina, stia a sentire. Spauracchio, giorni fa, mi domandò di lei. Voleva sapere, in confidenza...

— Chi è Spauracchio?

— Il figlio del Porati. Non le pare una pertica con su una tuba e un vestito per far paura agli uccelli?

— Zitta!

Ora sorrideva appena alle bizzarrie di Marietta. Lottava dentro di sè, terribilmente. Quegli sguardi di Andrea, che pareva chiedessero pietà, la perseguitavano ovunque. Di notte, prima che si addor-