Pagina:Carli - Noi arditi, 1919.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


alpino gridò, o meglio biascicò: — Evviva la pace, Dio boja!

Era un sintomo? una parola d’ordine? un grido dell’anima? uno strascico dell'Enciclica papale? Certo gli Arditi non lo raccolsero, non o compresero, essi che avevano l’anima sostanziata di battaglie e di patriottismo.

Essi, che assistettero al dilagare dell’invasione nemica fremendo di rabbia e di dolore, se fosse stato concesso di lanciarli al momento opportuno in controffensiva sul fianco del nemico insieme ad altre valorose brigate, avrebbero forse capovolto Caporetto.


L’aristocrazia degli Arditi.

Poiché la sintesi del valore italiano in guerra è stata impersonata, nelle due ultime grandi battaglie del giugno e dell’ottobre, dalle giubbe aperte e dalle fiamme, tutti oggi in Italia s’interessano degli Arditi. E tutti ne parlano. Tutti vogliono esprimere un giudizio o lanciare un interrogativo. Ma quanti sanno veramente che cosa sono, che cosa valgono, che cosa hanno fatto e faranno gli Arditi? Pochissimi, e sono anche

24 —