Pagina:Carlo Andreani, La Pieve di Dervio (1898).djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 18 —

1802, l’altro quella del Lago di Como, principalmente delle Tre Pievi (Dongo, Gravedona e Sorico); don Pietro Monti da Brunate ed il fratello Don Maurizio, cultori di lettere e scienze; scrisse il secondo la Storia di Como, diversi opuscoli, e fra questi l’Ornitologia e l’Ittiologia Comense; l’esimio pittore Carlo Bellosio, nato a Milano da famiglia oriunda di Bellagio, dove morì il 15 settembre 1849, lasciando incompleto il Passaggio della Beresina in Russia, quadro di vastissime dimensioni, ed il suo capolavoro Una scena del diluvio universale.

Nelle ville, alcune principesche, si racchiudono tesori in quadri, statue ed oggetti antichi. Rimarchevoli, fra le moltissime che adornano le sponde del Lario, la Raimondi, ora del Duca Visconti di Modrone, la Salazar, la Pliniana nelle vicinanze di Como, Beccaria a Sala, Arconati a Lavedo, già convento di francescani, Rezia ad Azzano con ricca raccolta di gasteropodi e conchiglie marine, alcune di specie assai rare. A Bellagio: Trotti, Poldi-Pezzoli, Melzi, e pochi anni sono la Serbelloni, ora ridotta ad albergo. A Tremezzo la villa Carlotta, già Clerici, con lavori di Canova, Thorwalsend ed Hayez. Nei dintorni di Menaggio: a Loveno la Vigoni con distinte sculture, e la Nemesi, capolavoro di Thorwalsend; la Garovaglio, con preziose e ricchissime raccolte di tempi preistorici, età della pietra, bronzo e ferro di diverse regioni e dei più antichi popoli egizi, assiri e caldei, nonchè antichità greche e romane; la Cattaneo, già d’Azeglio, con pregevoli affreschi. Numerose e splendide ville si ammirano pure nella superba Brianza e vicine regioni.

Fioriscono nel Circondario le Società Operaje di Mutuo Soccorso — Società Cooperative — Associazioni fra contadini e mestieri — Vinicole, di Assicurazioni del bestiame e Latterie — Società di Assicurazioni incendi, e moltissime altre di istruzione, musica, alpinismo, ginnastica, scherma, canottaggio e di divertimento.

Ben pochi Comuni sono privi di Opere Pie per sussidi a poveri infermi e per l’istruzione.