Pagina:Carlo Andreani, La Pieve di Dervio (1898).djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 19 —


Numerosi gli Asili, oltre cinquanta, le Scuole infantili, festive e serali. Non mancano Collegi, Biblioteche popolari e private, Musei, nonchè Casse di Risparmio, Banche, Tipografie e Litografie.


Lecco e Circondario

Il Circondario confina con quello di Como, le Provincie di Milano e Bergamo; è composto di sei Mandamenti con 126 Comuni e 130,926 abitanti.

LECCO, capoluogo, è posto all’estremità del lago a Sud dove l’Adda riprende il suo corso, al piede del Resegone (metri 1877). Le due sponde sono riunite dal ponte fatto costruire da Azzone Visconti nel 1336 e più volte riadattato. È borgata antica, creata città il 22 giugno 1848, circondata da ameni paeselli, e nelle chiese del territorio abbondano quadri di distinti maestri: Luini, Gaudenzio Ferrari, Guercino, Marco d’Oggiono ed altri. Degne di nota fra le Chiese quella di Malgrate con pitture di Sabbatelli, Casnedi e statue del Cacciatori; altre, sparse nel Circondario, sono rimarchevoli per opere d’arte o per antichità, come la Chiesa longobarda di S. Pietro in Civate, e la vicina chiesuola di S. Benedetto, forse più antica. Splendide le vedute dei dintorni, specialmente verso la Valsassina, ricca di miniere, di pascoli e produttrice di pregiati latticini. Di fronte alla città si innalza il Monte Barro (metri 922) con antico convento, ora ridotto ad albergo e stazione climatica ed un tempo munito di fortilizi e torri; avanzi di un rinomato castello trovansi a Brivio, sulla destra sponda dell’Adda, a pochi chilometri da Lecco, in parte ridotto a setificio.

Alle falde del Monte Barro ed in altre località della Valmadrera e della Valassina ricchi sedimenti di fossili, e fra questi un banco madreporico. Cavansi nel Circondario: ferro, rame, piombo, piombo argentifero, pietre da calce,